8XMILLE, FIUMEFREDDO (CASTELLO). RIPRISTINO TETTO CHIESA, PRONTI 140MILA EURO

Facebooktwitterpinterestmail

DON EGIDIO VECCHIO, PARROCO: “RINGRAZIO QUANTI HANNO PERMESSO L’INIZIO DEI LAVORI”

Fiumefreddo di Sicilia, chiesa Maria Santissima del Rosario

La chiesa Maria Santissima del Rosario in Fiumefreddo di Sicilia (Castello) riceve dei fondi pari a circa 140mila euro, in quanto necessita di interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, che prevedono la sostituzione integrale della copertura della navata e del transetto della chiesa. La spesa necessaria per l’esecuzione dei lavori è finanziata nella misura del 70% dalla CEI con il contributo 8×mille alla Chiesa Cattolica e del 30% dalla parrocchia. 

Tetto della chiesa – parte interessata ai lavori

Con un progetto redatto da professionisti incaricati per il ripristino della copertura del transetto e della navata , venerdì 8 luglio 2022 nella Curia diocesana, don Egidio Vecchio, parroco della sopracitata chiesa, alla presenza di mons. Giovanni Mammino, vicario generale e di don Angelo Milone, direttore dell’ufficio Beni Culturali Ecclesiastici, ha stipulato il contratto con la ditta esecutrice dei lavori i quali sono stati autorizzati dal Comune di Fiumefreddo di Sicilia e dalla Soprintendenza ai Beni Culturali e Ambientali di Catania.

 

“E’ un’opera tanto attesa dai fedeli della comunità fiumefreddese. Molto di quanto sarà fatto  – afferma don Egidio – è frutto del contributo dell’8xmille e delle donazioni generose dei fedeli che sin da subito, si sono adoperati per la raccolta fondi. Sebbene i tempi nei quali versiamo sono critici, chiedo un ulteriore sforzo per completare quanto stiamo per iniziare con la firma di questo contratto”.

I lavori permetteranno di custodire l’edificio sacro, ricostruito a seguito dei danni causati dal secondo conflitto mondiale degli anni quaranta.

“Gli interventi strutturalidichiara don Angeloserviranno a ripristinare un luogo tanto caro alla comunità di Fiumefreddo. In molti hanno messo a disposizione la propria professionalità ed impegno, in particolare il vescovo Antonino Raspanti. La Chiesa composta da pietre vive, cioè da persone in comunione con Cristo e tra di loro, è protesa ad accrescere nel mondo come luogo della presenza di Dio nella storia quotidiana degli uomini”.

Mons. Giovanni Mammino, vicario generale
Don Egidio Vecchio, parroco

Facebooktwitterrssyoutubeinstagram