Acireale, Festa dell’Esaltazione della Croce

Facebooktwitterpinterestmail

Articolo di Guido Leonardi

L’Arciconfraternita del SS.mo Crocifisso in S.Pietro organizza la Festa dell’Esaltazione della Croce, anticipata a domenica 13 settembre

Locandina

Verrà celebrata quest’anno ad Acireale domenica 13 settembre, alle ore 20, nella Basilica Collegiata dei Santi Apostoli Pietro e Paolo, la festa dell’Arciconfraternita del SS.mo Crocifisso in San Pietro. In base al proprio statuto, infatti, l’antico sodalizio acese in occasione della festa dell’Esaltazione della Santa Croce invita la comunità dei fedeli a meditare sul mistero della Croce.
Anche a motivo dell’adozione delle misure anti-Covid19 vi saranno alcune variazioni rispetto al passato: sarà, infatti, solo celebrata la S.Messa da don Salvatore Scalia, Decano della Basilica e Cappellano dell’Arciconfraternita, pur sempre con le limitazioni attualmente previste, mentre non sarà possibile svolgere la consueta processione, a cui, fino allo scorso anno, prendevano parte le altre confraternite della nostra diocesi. Si è preferito, inoltre, anticipare ai primi vespri la celebrazione della festa perché lunedì 14 settembre, alle ore 19, in Cattedrale avrà luogo l’ordinazione sacerdotale del diacono don Rosario Di Bartolo.

Arciconfraternita del SS.mo Crocifisso

Come ogni anno, al termine della funzione, i confrati faranno pubblica e solenne dichiarazione di impegno di rispettare lo statuto e i principi fondanti della vita della confraternita. L’animazione liturgica sarà curata dalla cappella musicale “Notre Dame de Lourdes”, diretta dal M° Clotilde Fiorini.
Come ha detto Papa Francesco lo scorso 30 agosto: “… facciamo in modo che la croce appesa alla parete di casa, o quella piccola che portiamo al collo, sia segno del nostro desiderio di unirci a Cristo nel servire con amore i fratelli, specialmente i più piccoli e fragili. La croce è segno santo dell’Amore di Dio, è segno del Sacrificio di Gesù, e non va ridotta a oggetto scaramantico oppure a monile ornamentale […] Di conseguenza, se vogliamo essere suoi discepoli, siamo chiamati a imitarlo, spendendo senza riserve la nostra vita per amore di Dio e del prossimo”.

Facebooktwitterrssyoutubeinstagram