ACIREALE. PROGETTO HORTNET, LE VISITE GUIDATE

Facebooktwitterpinterestmail

Acireale – Prosegue secondo programma, con le visite didattiche previste, il progetto HortNet, l’innovativo percorso di “rete multifunzionale di fattorie e orti sociali” nel comprensorio delle Aci.

Scuole, istituzioni pubbliche e private sono invitate a partecipare alle prossime visite didattiche, che comprenderanno approfondimenti sul mondo delle api (Azienda Agricola Samperi) e percorsi
esperienziali nel mondo degli animali, della produzione ecostenibile degli orti, delle piante aromatiche (Cooperativa sociale La Roccia e Parrocchia Cuore Immacolato di Maria). Per i gruppi classe delle istituzioni scolastiche potrà essere rilasciato dalla Fondazione Città del Fanciullo.Acireale un attestato di partecipazione o, previa sottoscrizione di Convenzione specifica, il riconoscimento del credito formativo PCTO.

Il Programma delle visite è previsto per le giornate del 16, 17 e 23 novembre, e del 7, 8 e 12 dicembre dalle 9 alle 13 nell’Azienda Samperi di Via Cefalù 9 ad Acireale; per le giornate del 18 e 28 novembre e del 5 dicembre nella Cooperativa La Roccia di Via Patellazza 15, ad Acireale, dalle 9 alle 12.30; l’1 e il 6 dicembre invece le visite muoveranno presso la Parrocchia Cuore Immacolato di Maria di Piazza San Francesco d’Assisi ad Acireale.

Il progetto rappresenta una rete multifattoriale per lo sviluppo dell’economia sociale agricola ed utilizza la funzione didattica e sociale dell’agricoltura, da una parte con finalità educative nei confronti dei giovani, dall’altra di reinserimento sociale di anziani e fasce deboli. Le azioni sono orientate alla produzione di prodotti tipici sostenibili, eccellenze gastronomiche del territorio collegate alla produzione agricola sostenibile, nonché a promuovere l’utilizzo di metodologia colturale dei prodotti agricoli compatibile con i sistemi agricoli, rispettosi dell’ambiente e del modello degli orti sociali.

Con una particolare attenzione alla valorizzazione della realtà territoriale ed un occhio di riguardo verso “la coscienza salutistica” dei prodotti biologici. In particolare, l’attività programmata intende fare acquisire ai giovani conoscenze e competenze, nonché consapevolezza sullo sviluppo dell’economia sociale agricola.
Particolarmente ampio e composito il partenariato creatosi per favorire le scelte e l’operatività di HortNet, per una rete che vede capofila la Fondazione Città del Fanciullo Azienda: Agricola Samperi, Rete Fattorie Sociali Sicilia, Energ-Etica Catania soc. coop. sociale, La Roccia Società coop. sociale, Parrocchia Cuore Immacolato di Maria, Istituto Scolastico Comprensivo Statale Statale Vigo Puccio-La Spina, Istituto Comprensivo Statale Giovanni XXIII, Comune di Acireale, Comune di Aci Sant’Antonio, Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR)-Istituto per la Bioeconomia.

I numerosi contributi presentati dal suddetto partenariato durante la presentazione del progetto sono tutti disponibili su portale di riferimento del progetto, www.ecomuseodelcieloedellaterra.it Questa rete permette peraltro di attuare servizi di educazione alimentare e tutela ambientale territoriale che insistono su corretta alimentazione, rapporto con la natura e produzione agricola, con particolare riferimento alla componente didattica e interdisciplinare: l’osservazione diretta degli orti consentirà infatti numerosi richiami a discipline quali storia e scienze ambientali.
Hortnet risponde all’Azione di Sensibilizzazione e coinvolgimento della cittadinanza secondo gli obiettivi del progetto “CreAci – Per la Creazione di una rete multifunzionale di fattorie e orti sociali
nelle terre di Aci”– relativo al Bando Pubblico PSR Sicilia 2014-2020 Strategia di Sviluppo Locale di tipo Partecipativo “Terre di Aci” SOTTOMISURA 16.9 “Sostegno per la diversificazione delle attività riguardanti l’assistenza sanitaria, l’integrazione sociale, l’agricoltura sostenuta dalla comunità e l’educazione ambientale e alimentare” – ATS denominata: HortNet – CUP (Codice Unico Progetto):H41B21007310009”.

Facebooktwitterrssyoutubeinstagram