S.E. Rev.ma Mons. Pasquale Bacile

Facebooktwitterpinterestmail

7° Vescovo (1964 – 1979)
S.E. Rev.ma Mons. Pasquale Bacile
Motto: Ad fontes aquarum

 

 

1916 – 26 agosto Nato a Bisacquino (PA)
1940 – 24 agosto Ordinato Sacerdote
1962 – 7 luglio Eletto vescovo Titolare di Colbasa e Ausiliare dell`Ecc.mo Salvatore Russo da Giovanni XXIII
1962 – 16 settembre Consacrato Vescovo a Monreale
1962 – 30 settembre Accolto nella cattedrale di Acireale dal Vescovo Russo
1962 – 11 ottobre Presente a Roma per la sessione di apertura del Concilio Ecumenico Vaticano II
1964 – 11 aprile Nominato Amministratore Apostolico da Paolo VI
1964 – 5 luglio Eletto Vescovo di Acireale da Paolo VI
1964 – 24 luglio Ingresso solenne in Diocesi e presa di possesso
1965 – 8 dicembre Presente a Roma alla conclusione del Concilio Ecumenico Vaticano II
1979 – 30 novembre Accettata la rinunzia (per motivi di salute) da Giovanni Paolo II
1987 – 10 dicembre Data della morte – Riposa in pace nel cimitero di Bisacquino (PA)
Note Ebbe due Ausiliari:
S. Ecc. Mons. Cannavò Ignazio – eletto il 24 Ottobre 1970
S. Ecc. Mons. Costanzo Giuseppe – eletto il 21 Febbraio 1976


Storia

Dotato di una vasta cultura classica e teologica, Mons. Bacile guidò il cammino del post-concilio nella nostra Chiesa particolare con grande zelo pastorale. Visite pastorali e incontri con le comunità e con i singoli fedeli si susseguivano e occupavano le sue giornate. Venendo in Diocesi aveva detto: “Aiutatemi ad amarvi, aiutatemi a servirvi, aiutatemi a precedervi”.
In lui l’autorità si rivestì sempre di bontà e il suo ministero pastorale portò sempre i segni di una straordinaria umanità. Fu un Vescovo di dialogo. Amava tanto il “colloquio” e apprezzava molto l’apporto degli altri nello scambio culturale.
Il suo primo obiettivo di Vescovo fil un incremento della “partecipazione di tutti alla vita ecclesiale”. Diceva: “La diocesi poggia sulle spalle di tutti e tutti, in solido, siamo responsabili della sua sorte”. Per far crescere il senso di appartenenza ecclesiale e la concreta partecipazione lavorò alla formazione dello Statuto del Consiglio Pastorale diocesano e alla creazione del Consiglio.
Presbiterale e Pastorale, quali strutture atte a creare la partecipazione, a favorire la comunione, a inculcare la corresponsabilità.
Il secondo obiettivo dell’episcopato di Mons. Bacile fu l’evangelizzazione e il rinnovamento della catechesi, in sintonia col Piano nazionale della CEI. I Convegni pastorali diocesani del 1967, 1968, 1970, 1976 vertirono su questo impegno. E perché la teoria diventasse anche pratica pastorale, Mons. Bacile valorizzò l’Ufficio Catechistico per promuovere il rinnovamento della catechesi e la formazione dei catechisti.
I risultati sono stati consolanti. Il numero dei catechisti si è moltiplicato e la loro formazione è migliorata sensibilmente.
Mons. Bacile lasciò la Diocesi di Acireale il 30 Novembre 1979 per motivi di salute.