CSI: AD ACIREALE LE CELEBRAZIONI DEI 70 ANNI DEL COMITATO E LA CONVOCAZIONE DEGLI STATI GENERALI

Facebooktwitterpinterestmail

IL VESCOVO RASPANTI: “I GIOVANI E LO SPORT PER RIPARTIRE”

Il Centro Sportivo Italiano di Acireale ha ricordato i 70 anni di fondazione del Comitato di Acireale. Alla presenza dei dirigenti e consiglieri di comitato si è fatta memoria del passato per conoscere dove affondano le radici per provare a costruire il futuro. In attesa della ripartenza si è voluto celebrare, insieme ad alcune storiche società, l’appartenenza al CSI ed il servizio attraverso lo sport. Si è inteso, inoltre, convocare ad Acireale anche gli Stati Generali dell’attività sportiva, per ricordare questa ricorrenza e viverla come occasione di confronto e dibattito sui temi particolarmente rilevanti per l’Associazione ed in particolare per fare il punto del sistema di attività agonistica e educativa.
Sono stati coinvolti i Comitati regionali che da ottobre saranno chiamati anche a riflettere su come incidere sul prossimo cammino sinodale che intraprenderà la Chiesa Italiana. Mons. Antonino Raspanti, vice presidente della CEI, vescovo della diocesi di Acireale e delegato dell’ Ufficio regionale per il Tempo libero, Turismo e Sport ha invitato i convenuti, infatti, a produrre un documento programmatico che deve tenere conto del contributo attivo dei comitati regionali.
mons. Antonino Raspanti, vescovo
Il rilancio dell’azione pastorale può cominciare anche dallo sportha dichiarato il vescovo Raspantidove i giovani sono i protagonisti. Ci vuole uno sforzo corale per mettere in campo strumenti, alleanze e collaborazioni affinché si possa progettare una vera ripartenza dallo sport, attività che impegna sul piano dell’agonismo e formativo”. Il vescovo, infine, confermando la sua disponibilità a collaborare col CSI,  ha chiesto ai dirigenti sportivi di essere interlocutori credibili nelle proprie diocesi e parrocchie.
Don Roberto Fucile

Con il vescovo Antonino Raspanti, presenti il presidente regionale CSI Sicilia Agnese Gagliano, il presidente nazionale CSI Vittorio Bosio, il sindaco di Acireale Stefano Alì, il direttore dell’Ufficio regionale e diocesano per il Tempo libero, Turismo e Sport don Roberto Fucile e l’assistente del CSI comitato di Acireale don Egidio Vecchio, coordinati dal presidente del Comitato di Acireale Salvo Raffa.

Agnese Gagliano e Vittorio Bosio

“Siamo pronti a ripartireafferma Salvo Raffa nella Riunione tra i 12 presidenti dei comitati della Sicilia che si sono ritrovati ad Acireale – Il CSI è una realtà di ispirazione cristiana consolidata nel territorio. Contributi di idee e suggerimenti sono giunti in questo tempo di post pandemia. Siamo pronti per nuove attività progettuali, formative e sportive. Oggi, si è tracciato il futuro“.

Salvo Raffa
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram