Warning: getimagesize(upload/news/allarme_poverta'_ed_esclusione_sociale_2017.jpg): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.diocesiacireale.it/home/news.php on line 23
.:: Diocesi di Acireale ::.
 

News


 
27/04/2017 - Acireale - Biblioteca Zelantea
"ALLARME POVERTA` ED ESCLUSIONE SOCIALE" - CONVEGNO SULLE CONDIZIONI DI VITA E DI REDDITO IN SICILIA

Giovedì 27 aprile 2017 alle ore 18.00 l`Ufficio pastorale per la cultura e la scuola della Diocesi di Acireale in collaborazione con la Cartas diocesana, con l`Accademia degli Zelanti e dei Dafnici e con l`Ente Attività Sociali della Città di Acireale organizza un convegno sulle condizioni di vita e di reddito in Sicilia dal titolo "Allarme povertà ed esclusione sociale" nei locali della Biblioteca Zelantea in via Marchese di Sangiuliano, 17 Acireale.
La relazione di base sarà svolta dal dr. Renato Marinaro, responsabile nazionale del servizio promozione della Caritas. Interverranno inoltre il professore Giovanni Vecchio (direttore Ufficio Diocesano Cultura), don Mario Arezzi (direttore Ufficio Diocesano Caritas) e la dott.ssa Adele Chiara D`Anna, (assessore alle Politiche Sociali e Pari Opportunità – Comune di Acireale). Le conclusioni saranno affidate a Sua Ecc.za Mons. Antonino Raspanti, Vescovo di Acireale.

Gli organizzatori:
In Sicilia è allarme povertà ed esclusione sociale. Oltre 2 milioni e 700 mila persone rischiano di rimanere ai margini e il dato è in aumento: dal 54,4 % di due anni fa al 55,4% dell`anno scorso. Il pericolo di ridursi in povertà è in crescita di 2,2 punti (dal 40,1 al 42,3%), così come il numero di persone che vive in uno stato di grave deprivazione, dal 26 al 27,3%. L`impietosa fotografia emerge dal report dell`Istat su “condizioni di vita e reddito”, ripresi dal rapporto Caritas 2016 e confermati dai dati Caritas rilevati nei Centri di Ascolto dislocati nelle Diocesi.
In Sicilia, secondo l`indagine Istat, la gente vive in condizioni peggiori rispetto ad altre aree del Paese. L`isola ha i tassi più alti in assoluto di povertà, deprivazione e bassa intensità lavorativa. Il rischio povertà e grave deprivazione è più del doppio rispetto alla media nazionale. La Sicilia (28,3%) è anche la regione con la massima diffusione di bassa intensità lavorativa, seguita da Campania (19,4%) e Sardegna (19,1%). 
Nel corso del convegno, oltre al confronto dei dati nazionali con quelli della Sicilia, si parlerà dell`opera del volontariato che si sforza di venire incontro alle esigenze più impellenti, della necessità di un coordinamento  a livello territoriale  per evitare eventuali abusi e sovrapposizioni e si farà valere la necessità di misure strutturali di aiuto. L`approvazione in Parlamento della legge delega per il contrasto alla povertà è un primo passo, tanto atteso, ma che richiede ancora tempi lunghi per l`emanazione dei decreti attuativi, mentre ci sono in attesa milioni di persone in povertà assoluta e  di minori, a cui manca l`essenziale.

Allegati:
allarme_poverta'_ed_esclusione_sociale_2017_invito    

Condividi
 
Tutte le news
 
Home