IL VESCOVO ANTONINO RASPANTI COMMENTA LA CRISI DI GOVERNO

Facebooktwitterpinterestmail
Mons. Antonino Raspanti, Vescovo di Acireale e Vice Presidente della CEI

Mons. Antonino Raspanti manifesta al Corriere della Sera, in un’intervista concessa al giornalista Salvo Fallica, tutta la sua preoccupazione riguardo la delicata situazione politica che sta investendo il governo italiano. Pur non entrando nel merito delle scelte partitiche esprime il suo disappunto riguardo la frammentazione che si è venuta a creare nelle Camere, rammentando come il Presidente della Repubblica continui a svolgere le sue funzioni con estrema lucidità.

I contrasti emersi nel periodo di emergenza pandemica hanno coinvolto anche i governi regionali e il mondo della scienza che, secondo l’opinione del vice presidente della Cei, hanno aumentato nella popolazione tensioni e senso di smarrimento. Questa crisi, connessa alla diffusione epidemiologica, non fa altro che acuire i problemi già esistenti nel Mezzogiorno d’Italia, in considerazione del fatto che il sostegno alle categorie svantaggiate non sia stato tempestivo o sufficiente.

Quelle che servono adesso sono delle politiche di sviluppo efficaci e un piano sul Recovery Plan che sia quantomeno al passo con gli altri paesi dell’UE, senza trascurare il tema del declino demografico. Inoltre, in un momento del genere, appare meritevole, per il vescovo di Acireale, sostenere la lotta alle mafie, evitando così di lasciare le famiglie in difficoltà in mano all’usura.

Intervista completa nel seguente link:

https://www.corriere.it/politica/21_gennaio_22/vicepresidente-cei-raspanti-crisi-governo-egoismi-fuori-luogo-troppi-ritardi-recovery-ad286ff2-5cab-11eb-9977-f37e49990f1d.shtml

Facebooktwitterrssyoutubeinstagram