Castiglione di Sicilia, Festa della Madonna della Catena

Facebooktwitterpinterestmail
Programma

Clicca qui e scarica il programma

Con la festa nel cuore a Castiglione di Sicilia, uno dei Borghi più belli d’Italia, si onora la Madonna della Catena, Patrona del paese dal 1602.  Il programma dei festeggiamenti di agosto è sicuramente condizionato dalle norme anti-covid, ma non mancherà la fede dei tanti pellegrini che accoreranno verso la Madre per ringraziarla e pregarla.L’Arciprete don Orazio Greco, coadiuvato dai parrocchiani, ha organizzato la festa della seconda domenica di agosto in onore di Maria SS.ma della Catena.  Ha avuto inizio il 31 luglio il Solenne novenario, celebrato sul sagrato e sulle scalinate della Basilica della Madonna,  si concluderà con la Messa della vigilia l‘8 agosto

  • Sabato 8 agosto, dopo la Messa delle 19,00 sulle scalinate della Basilica, un CONCERTO OMAGGIO ALLA MADONNA DELLA CATENA da parte delle Corali Pellegrine di Trecastagni ( Santuario ) e Roccella Valdemone, insieme al coro parrocchiale.
  • Domenica 9 agosto, Festa della Madonna della Catena Patrona del Comune di Castiglione di Sicilia, la Messa delle ore 19,30 sarà celebrata da S.E.R Mons Antonino Raspanti, Vescovo di Acireale. Durante la celebrazione sarà consegnato al Vescovo il nuovo “Statuto della Commissione della Madonna della Catena” per riceverne l’Imprimatur.

“Sarà una festa esterna diversa – dichiara don Orazio Greco, arciprete parroco – ma interiormente venereremo la Madonna come sempre è stato fatto, perché nulla potrà fermare questo – dice don Orazio Greco raccogliendo i voti e i sentimenti dei suoi fedeli. Una devozione forte – continua – radicata, intrecciata con la storia del Borgo che vive tra il parco dell’Etna e il parco fluviale dell’Alcantara. Una statua di marmo, di nobile fattura della scuola del Gaggini, che attira lo sguardo del pellegrino che non resiste alla dolcezza di una Madre santa”.

La chiesa, attualmente chiusa per urgenti lavori di ristrutturazione, non sarà fruibile almeno fino a Pasqua dell’anno prossimo. Grazie al contributo 8×1000 e la compartecipazione generosa dei fedeli devoti ( si devono raccogliere 100.000,00 euro e già la raccolta vanta di oltre i 60.000,00 ) il restauro è iniziato a metà giugno ed è già visibile per l’imponente ponteggio che si innalza all’esterno fino alla cupola. C’è già tanta attesa per rivedere la Basilica restaurata e portata allo splendore storico, ma i fedeli dovranno aspettare la primavera del 2021.

Facebooktwitterrssyoutubeinstagram