Gli auguri delle comunità di Scillichenti e Stazzo al parroco don Mario Camera

Facebooktwitterpinterestmail

X anniversario di sacerdozio di don Mario Camera.
Le comunità parrocchiali di Scillichenti e Stazzo

Don Mario Camera

Fine settimana ricco di spiritualità per le comunità parrocchiali di Scillichenti e Stazzo, guidate da don Mario Camera, che lo scorso 10 giugno ha ricordato il 10°anniversario di Ordinazione Presbiterale.
Due intensi appuntamenti, nel rispetto delle indicazioni dettate dalle attuali misure di contenimento da Covid-19, che hanno visto i fedeli stringersi attorno al loro parroco della Riviera dei Limoni.

Sabato, in occasione dei festeggiamenti in onore di Sant’Antonio di Padova, la comunità di Scillichenti si è ritrovata nell’Istituto delle Suore Cappuccine del Sacro Cuore per la solenne Concelebrazione Eucaristica, presieduta da Padre Camera, ed insieme si è meditato sul valore del sacerdozio come “un dono talmente alto che non basterà l’eternità per ringraziare di esso la bontà di Dio”(S. Giuseppe Cottolengo).

Don Mario Camera

Il secondo evento, svoltosi domenica nella Solennità del Corpus Domini, ha visto protagonisti i borghigiani di Stazzo che nel Cortile dell’Oratorio Parrocchiale hanno elevato, nella Celebrazione Eucaristica, l’inno di lode per i doni ricevuti dal ministero pastorale del dinamico parroco.

Numerosi sono stati gli attestasti di stima che i fedeli, di entrambe le comunità, hanno esposto. In essi si delinea la personalità del provvido pastore: “Risuonano, gli auguri silenziosi di chi, dal suo Ministero Sacerdotale, ha avuto assistenza, conforto e accoglienza. Auguri silenti nati nell’intimità dei cuori, come preghiera umile e semplice, di chi e non solo in questi ultimi mesi, ha trovato un padre provvido bussare alla propria porta: ora con parole di conforto, ora con opere concrete di assistenza a motivo della grave crisi che ci ha colpiti.” Ricca di commozione è stata la lettera di auguri inviata dal Diacono Mario Finocchiaro, rimasto all’estero dopo il diffondersi degli eventi pandemici. Nel messaggio, il diacono ha voluto rinnovare il filiale affetto che lo unisce alle due comunità, affidando esse alla potente protezione dei santi patroni Maria Ss. del Rosario di Pompei e San Giovanni Nepomuceno. Il diacono Finocchiaro ha concluso augurando al festeggiato:“La luce e la forza dello Spirito Santo che ti ha consacrato sacerdote per sempre, uomo di Dio tra gli uomini, continui a guidarti e
ad infonderti forza, gioia nello spirito e ti confermi nel dono della Sapienza. La tua vita sia dono ai fratelli nella carità.”

Facebooktwitterrssyoutubeinstagram