Covid-19. I Vigili Urbani offrono tremila euro al comitato “Acireale dona”

Facebooktwitterpinterestmail

il direttore, don Arturo Grasso

La diocesi e la città di Acireale, operando attraverso il comitato temporaneo Acireale dona, costituito il 30 marzo c.a., hanno lanciato una raccolta fondi e beni di prima necessità per fronteggiare l’emergenza iniziale causata dall’epidemia Covid-19 .

Rosa Maria Garozzo, responsabile del Comitato, ha tenuto costantemente i dati aggiornati che, inizialmente, hanno messo in evidenza la grande generosità degli acesi ma nelle ultime settimane hanno subito un rallentamento.

Il corpo di Polizia municipale, con i 3000 euro donati nella giornata di giovedì 7, ha voluto lanciare un ulteriore segno di speranza e “attraverso questo gesto concreto, frutto della raccolta effettuata tra tutti gli uomini del comando –  ha affermato il comandante Antonino Molino abbiamo voluto dimostrare il nostro impegno in questa difficile lotta anche con iniziative di questo genere”. Ha voluto, inoltre, ricordare la figura di Stefano Leone, vicecomandante della Polizia municipale e uomo di animo nobile, deceduto in questi giorni.

“In questo momento difficile – continua il vescovo Antonino Raspantiringraziamo la polizia municipale che ha fatto dono di questa somma destinata alle persone, che con il lockdown hanno visto aggravarsi la loro situazione. E’ uno sforzo straordinario, che in queste settimane ha visto l’impegno degli operatori della caritas, del comune e delle associazioni di volontariato”.

Il sindaco Stefano Alì e l’assessore di competenza Mario Di Prima, nell’esprimere soddisfazione per aver ricevuto quest’offerta di aiuto, hanno sottolineato la sinergia tra il Comune e la Chiesa e l’importanza che hanno avuto i vigili in quest’emergenza “non solo negli uffici e sulla strada per far rispettare le misure di contenimento epidemiologico ma anche attraverso la solidarietà concreta”.

“Il fondo sociale istituito è una forma di primo aiuto emergenziale che si inserisce all’interno di un contesto emergenziale, in cui noi abbiamo voluto fare la nostra parte – dichiara don Orazio Tornabene, direttore della Caritas diocesana, che si è speso per la buona riuscita del progetto insieme a don Orazio Caputo.

Si auspica, oltre a quanto già detto e già fatto, che le decisioni governative  possano dare le risposte che i cittadini aspettano. E’ ancora possibile continuare a donare, Acireale non si ferma nella solidarietà:

https://www.gofundme.com/f/ycjysv-acireale-dona

IBAN: IT55D0521626200000000092818

Scarica la locandina_Acireale dona

Scarica Acireale dona_Sintesi al 7 maggio 2020

 

Facebooktwitterrssyoutubeinstagram