Mons. A. Raspanti: “Essere missionari è tornare al centro, all’unione con Cristo”

Facebooktwitterpinterestmail

In occasione dell’ottavo anniversario del nostro vescovo mons. Antonino Raspanti, martedì 1 ottobre 2019, come ogni anno, in Cattedrale si è svolta l’assemblea diocesana per gli operatori pastorali della diocesi. Il Vescovo al termine della celebrazione eucaristica ha consegnato ai rappresentanti delle comunità parrocchiali  le indicazioni pastorali per l’anno 2019/2020 dal tema “Discepoli di Gesù in missione“.

Facendo riferimento ad una nota pastorale del 2004 dal titolo “Il volto missionario della parrocchia in un mondo che cambia”,  il vescovo ha evidenziato le cause che dal 2004 ad oggi non hanno portato a quest’auspicato cambiamento: l’inerzia, l’arretratezza culturale, l’esodo dei giovani ed una proposta pastorale appiattita dove non si è riuscito ancora a toccare il cuore dell’altro.

Il vescovo invita tutti ad interrogarsi: per cambiare  bisogna tornare al centro di tutto, cioè all’unione con Cristo.  Evitiamo le “burocrazie” e di fare eventi per fare “spettacolo”. Il centro è tornare all’essenziale, all’incontro con Cristo attraverso il silenzio, l’ascolto della Parola ed i sacramenti. Missione è incontrarsi con con l’altro per mostrare le virtù che contraddistinguono noi cristiani la carità e la fraternità. Il cuore della nostra vita deve essere l’Eucarestia per evitare di essere sterili.

Con le sue parole il vescovo quindi ha portato ciascuno dei presenti alla riflessione: il Vangelo oggi è adeguatamente annunciato nelle nostre parrocchie? Ognuno di noi è chiamato a dare una risposta sincera.

Torniamo nelle nostre parrocchie consapevoli che tanto ancora c’è da fare e per essere veri discepoli di Gesù il nostro sguardo deve essere rivolto a Lui.

Gisella Di Giovanni

Comunità parrocchiale Santa Maria della Consolazione in Acicatena

Facebooktwitterrssyoutubeinstagram