“I catechisti siano le fondamenta dell’essere Noi Comunità”. Secondo giorno di convegno catechistico 2019

Facebooktwitterpinterestmail

Mercoledì 11 settembre 2019, secondo giorno di convegno catechistico diocesano sul tema “La comunità grembo che genera alla fede“, alla presenza del vicario generale della diocesi mons. Giovanni Mammino e del direttore don Carmelo Sciuto, è intervenuto il relatore don Michele Roselli, direttore dell’ufficio catechistico regionale del Piemonte e Valle d’Aosta e dell’Ufficio Catechistico di Torinorelazionando sulla capacità che i catechisti hanno oggi di creare sinergia con la comunità.

I Catechisti, chiamati ad essere docili nell’affrontare i cambiamenti su se stessi, siano consapevoli di far parte di una comunità generativa. L’esempio della rete è emblematico: ha tanti nodi che creano un’unica rete, segno dell’essere comunità. I catechisti non siano soli ma tessano relazioni; siano missionari ospitali, nello stesso tempo ospitati e non abbiano paura del diverso. I catechisti facciano percepire di essere casa accogliente e amorevole, che sta sulla soglia pronta ad uscire e a guardare oltre. Siano non perfetti ma fieri di mostrare le proprie fragilità perchè il Signore li arricchisce con “fili d’oro”.

La Tecnica dello Kintsugi ne è una dimostrazione:

“Un vaso di ceramica rompendosi prende nuova vita mettendo insieme le linee di frattura e così tale oggetto diventa ancora più pregiato, grazie alle sue cicatrici”. I catechisti siano quindi capaci di abbracciare le ferite senza vergogna, per essere unici e splendenti agli occhi dei propri ragazzi.

I catechisti non adottino una strategia ma siano uomini di preghiera con la grazia dello Spirito Santo, legame che crea il Noi Comunità, così come è accaduto il giorno di Pentecoste.

Gisella Di Giovanni,

Catechista Santa Maria della Consolazione, Acicatena

Facebooktwitterrssyoutubeinstagram